Cari cittadini della Valle del Cavaliere – Cartolina dal web n°1

0
815

4 statoCarissimi cittadini della valle del Cavaliere i problemi sono tanti anche nella nostra Valle. Alcuni di questi vengono da lontano e dalla congiuntura nazionale ed internazionale. Altri invece sono il risultato di politiche sbagliate a livello regionale, provinciale e locale o, peggio, di scelte non fatte in tempo debito. Alla base di questi problemi vi è spesso una logica tutta nostrana di chiusura, arroccamento ai confini locali e municipali da parte delle amministrazioni ma anche e sopratutto da parte di noi cittadini. Una chiusura che ha impedito, nel tempo, scelte condivise di comparto, oppure scelte innovative per lo sviluppo del territorio.

Adesso siamo ad un punto di non ritorno, a tutti i livelli: amministrativo, di comunità, di welfare, sociale, associativo, ecc.  Bisogna smettere di lamentarsi di tutto, o di invocare sempre e solo l’intervento pubblico, che in futuro sarà sempre minore, per risolvere le questioni, o per programmare strategie di sviluppo. E’ necessario fare una seria e radicale inversione di atteggiamento e studiare politiche di gestione del territorio. Bisogna individuare le aree di sviluppo: turismo, enogastronomia, ambiente, industria, ecc e trovare strumenti di governance delle politiche di gestione. Gli strumenti ci sono, bisogna solo affinarle ed adattarle alle nostre esigenze.

L’Associazione Hombres nell’immediato futuro lavorerà per aggregare associazioni, amministrazioni, cittadini, operatori economici e per trovare una struttura operativa in grado di riflettere ed affrontare il futuro.

 

SHARE
Previous articleA tutti i destinatari – cartolina dal web n°0
Next articleCultura, borghi e territori
Enzo D'Urbano, sociologo, insegnante di economia turistica, direttivo BAI con delega alla comunicazione, operatore culturale, presidente del Premio Hombres itinerante, giornalista e fotografo freelance, blogger, curioso e appassionato di comunità, luoghi e territori autentici della cosiddetta Italia minore ma che rappresenta, però, la spina dorsale identitaria del paese.

LEAVE A REPLY